ŏcŭlusPedia

Seleziona una specifica area dell’occhio per scoprire le possibili Patologie Oftalmiche associate.

6 motivi per effettuare una visita oculistica completa

​La vista è la nostra fonte principale di informazioni. Il mondo moderno mette costantemente a dura prova i nostri occhi al lavoro, a scuola, per leggere, guidare, fare sport. E’ fondamentale tenere sotto controllo l’efficienza visiva e dotarsi delle soluzioni ottiche più adeguate quando necessarie. MA NON BASTA!!

Perché fare una visita ortottica

​Studiare la funzionalità del sistema visivo consente di escludere la presenza di alterazioni visive, la presenza di strabismi nascosti, occhio pigro, movimenti degli occhi errati o non adeguati, che possono influenzare negativamente sul rendimento scolastico di un bambino e sulla performance della lettura e scrittura.

il sistema visivo del bambino è in grado di rispondere più velocemente e reagisce in modo più efficace durante il suo periodo plastico, quindi dal primo al 6/7 anno di vita.

Quando bisogna sottoporre il bambino al primo controllo della vista

​Questa è una delle domande più frequenti che viene posta dalle mamme. La diagnosi precoce di un problema oculistico e ortottico rende più efficaci eventuali soluzioni e terapie, soprattutto durante l’infanzia, periodo in cui il sistema visivo del bambino è più plastico e quindi più capace a reagire alle cure.

Utilizzo del concentrato piastrinico in Oftalmologia

Bruciore agli occhi? Sensazione di sabbia negli occhi? Rossore? Fotofobia?

Sono tutti sintomi che possono caratterizzare l’occhio secco e l’inefficacia dei colliri lubrificanti normalmente utilizzati in caso di secchezza oculare.

Il collirio di lisato piastrino ha portato in un elevato numero di pazienti una risoluzione ad oggi completa.

Cheratocono

In età giovanile il cheratocono al III e IV stadio rientra come minorazione visiva.

Che cos’è il cheratocono? Come vede il paziente affetto da cheratocono? Quali sono gli approcci diagnostici e terapeutici? La prevenzione nel cheratocono ?

La dislessia

Lettura lenta ed imprecisa, lettere attorcigliate e sovrapposte, parole in movimento, inversione di lettere e sillabe speculari, sono solo alcuni dei numerosi segni e sintomi che testimoniamo la presenza di alterazioni inerenti il dominio visivo.

Negli ultimi anni, infatti è stato evidenziato come non solo alterazioni di tipo fonologico ma anche di tipo visuopercettivo sembrino correlate con i disturbi dell’apprendimento, quali soprattutto la dislessia.

Occhio secco

Bruciore oculare? Fastidio alla luce? Sensazione di sabbia nell’occhio? Secrezione mattutina e difficoltà ad aprire le palpebre?

Sono i principali disturbi dell’occhio secco, diventata ormai una vera e propria patologia, determinata da una scarsa produzione quantitativa e alterazione qualitativa del film lacrimale.

Distacco Vitreale e Trazioni Vitreali

Il corpo vitreo è una massa gelatinosa, trasparente ed incolore che riempie lo spazio compreso tra la superficie posteriore del cristallino e la retina, con il compito di sostenere l’occhio.

Con l’avanzare dell’età, in esiti di traumi o incidenti, in caso di dismetabolismo ed altre condizioni non necessariamente patologiche, il vitreo può andare incontro a distacco comportando la percezione soggettiva di “ragnatele”, “mosche volanti” e “lampi”.

Effettuando un indagine diagnostica specifica, è possibile prescrivere una terapia per alleviare i sintomi percepiti dal paziente.

Glaucoma

​Il glaucoma è una patologia subdola e spesso asintomatica, con importante componente ereditaria che interessa generalmente soggetti adulti sopra i 40 anni. In alcuni casi è possibile che si sviluppi un ipertono anche in età giovanile.

Proprio per questo è di fondamentale importanza prevenire il rischio di sviluppo del glaucoma, che se non trattato conduce alla perdita della vista irreversibile. La visita oculistica e gli esami diagnostici specifici sono l’unica barriera che consente di escludere la patologia o di gestirla al fine di salvaguardare la propria vista.

Maculopatia

Con l’allungamento della vita delle persone, la maculopatia è la principale causa di cecità nel mondo.

La visita oculistica e lo studio della retina attraverso metodiche diagnostiche avanzate consentono di diagnosticare precocemente le alterazioni della zona maculare, dal pucker maculare alle distrofie, ai fori maculare, nonché le alterazioni vascolari retiniche.

In particolare l’esame OCT e ANGIO-OCT consentono una visione diretta ed immediata della retina ed una perfetta stadiazione della patologia.

La diagnosi precoce e la prevenzione farmacologica sono gli elementi essenziali per evitare lo sviluppo della maculopatia, o gestirne l’evoluzione.